Arte impossibile

Realizzazioni del laboratorio di terapia occupazionale dagli utenti del Centro Bignamini Don Gnocchi del reparto di riabilitazione estensiva e del seminternato post-scolare.I prodotti sono stati realizzati negli ultimi due anni all'interno del progetto: "Il segno come espressione grafico-cromatica e plastica" attraverso la sperimentazione di nuove modalità e tecniche operative e l'utilizzo di materiali eterogenei.

Il fine ultimo di questa ricerca è quello di esaltare la condivisione dell'attività pratica come mezzo attraverso cui è possibile instaurare relazioni significative, e di valorizzare il segno come rappresentazione delle emozioni e delle sensazioni cioè come modalità di espressione possibile dei nostri ragazzi.

In Terapia Occupazionale i ragazzi vengono stimolati a dare il meglio di se' affinchè le loro potenzialità residue possano essere messe in atto attraverso stimoli che hanno come fine il "fare" e "fare insieme", cercando di dare valore non solo al prodotto finale dell'attività, ma anche al processo dell'attività.

Il "fare" e il "fare insieme"costituiscono e costruiscono il ponte che sottrae l'individuo all'isolamento, riconducendolo alla realtà. Il lavoro artistico, in quanto canale privilegiato dell'espressione e consapevolezza di se', diventa mezzo e strumento di tale processo creando il sentiero tra il visibile (la disabilità) e l'invisibile ( la persona) .La consapevolezza della propria esistenza, traguardo di questo percorso, permette ai ragazzi di realizzare e offrire tracce di sè agli altri,come segno della propria esistenza.

TiltViewer requires JavaScript and the latest Flash player. Get Flash here.
Home Arte Impossibile
E-mail Stampa